Diversamente-bello, amabilmente freak: l’anatomia eccentrica ed i suoi itinerari di riconciliazione

Lorena Rapisarda

Abstract


Lo spettacolo dei freaks, attraversando i secoli, ha raggiunto la contemporaneità ed i suoi media. Malgrado la scienza abbia chiarito le cause alla base di morfologie atipiche, svincolando così l’anomalia umana dal fardello del mito che soggiogava gli antichi, e nonostante il bombardamento di immagini orrifiche cui quotidianamente siamo sottoposti, il freak continua ad esercitare su di noi un fascino sinistro. L’analisi estetica del freak e dei prodotti artistici che da esso derivano rende conto del suo successo senza tempo, spiega, insomma, perché, benché l’apparenza sgradevole, esso attragga e risulti, per paradosso, “bella” la sua raffigurazione. La messa in scena della patologia suscita orrore misto a piacere e riso, non soltanto per via dell’insito aspetto caricaturale del freak, ma per ragioni che, inaspettatamente, possiamo rintracciare in noi stessi.


Parole chiave


Freak; Brutto; Storia dell’arte; Rosenkranz; Bronzino

Full Text

PDF (Italiano)


DOI: 10.6092/issn.2038-6184/6048

Copyright (c) 2016 Lorena Rapisarda

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.