Considerazioni a margine di alcune ricerche sui correlati neurali sottesi all’osservazione di opere d’arte visiva

Gabriella Bartoli

Abstract


A partire dalle osservazioni di Freedberg e Gallese (2007) sull’implicazione dei processi neurali nell’articolarsi della risposta empatico/estetica all’opera d’arte, vengono analizzate alcune recenti indagini condotte da neuroscienziati e storici dell’arte che hanno dimostrato l’attivarsi dei circuiti corticali senso-motorî durante l’osservazione di opere d’arte astratta (2012, 2013). Ne viene tratta conferma circa il ruolo della “simulazione incarnata” dei gesti dell’artista nella percezione empatica dell’opera d’arte. Questi risultati vengono commentati alla luce degli studi psicologici sul tema della esperienza estetica, con particolare riferimento a quelli fondati su una metodologia di tipo fenomenologico. Ci si propone di esplorare ulteriormente le interazioni possibili tra neuroscienze e psicologia fenomenologica, nel rispetto delle rispettive differenze teoriche e metodologiche.


Parole chiave


Arti visive; Esperienza estetica; Empatia; Neuroscienze; Psicologia

Full Text

PDF (Italiano)


DOI: 10.6092/issn.2038-6184/6893

Copyright (c) 2017 Gabriella Bartoli

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.