Questione di chimica. Primo Levi, Freud e la riparazione temporanea

Luca Cevenini

Abstract


Attraverso un'analogia di Primo Levi tra il lavoro dello scrittore e quello del chimico, suo primo e «unico» mestiere, ed un'analogia di Freud tra il lavoro del chimico e quello dello psicoanalista, il testo mostra alcuni aspetti del potenziale terapeutico della scrittura. Levi ha indicato alcuni suoi libri quali sostituti «del divano di Freud»: lo scrittore può infatti rielaborare la materia di partenza, l'esperienza, in un nuovo e più benefico equilibrio, così come il chimico può portare a nuova sintesi un composto o lo psicoanalista ricreare l'assetto psichico del paziente; ma in tutti e tre i casi i singoli elementi risultano difficili da gestire, imprevedibili, e i risultati difficili da prevedere.


Parole chiave


Primo Levi; chimica; scrittura; esperienza; dolore

Full Text

PDF (Italiano)

Riferimenti bibliografici


Italo Calvino, Prefazione 1964 a Il sentiero dei nidi di ragno in Italo Calvino, Romanzi e racconti vol. I, Mondadori, Milano 2005.

Sigmund Freud, Vie delle terapia psicoanalitica, in Sigmund Freud, Opere. Vol. 9: L'io e l'es e altri scritti, a cura di C. L. Musatti, Bollati Boringhieri, Torino 1986.

Robert S. C. Gordon, Primo Levi: le virtù dell’uomo normale, Carrocci, Roma 2004.

Primo Levi, Ex chimico, in Primo Levi, L’altrui mestiere, Einaudi, Torino 2006.

Primo Levi, Il teschio e l’orchidea, in Primo Levi L’altrui mestiere, Einaudi, Torino 2006.

Primo Levi, Il sistema periodico, Einaudi, Torino 2005.

Primo Levi, I sommersi e i salvati, Einaudi, Torino 2007.

Primo Levi, Perché si scrive?, in Primo Levi, L’altrui mestiere, Einaudi, Torino 2006.

Primo Levi, Se questo è un uomo, Einaudi, Torino 2005.

Primo Levi, Tutti i racconti, Einaudi, Torino 2005.

Luigi Meneghello, Jura. Ricerche sulla natura delle forme scritte, Rizzoli, Milano 2007.




DOI: 10.6092/issn.2038-6184/3683

Copyright (c) 2013 Luca Cevenini

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.