Carmen: il disordine di Eros

Simona Argentieri

Abstract


A partire dalla novella originaria di Merimée, Carmen ha diritto perenne di cittadinanza nello spettacolo e nelle fantasie di tutti, in ogni variabile forma: opera, opera rock, hip opera e musical, ballo e balletto, letteratura, teatro, ma soprattutto cinema (circa 80 versioni) con multiforme accompagnamento musicale, dal jazz al rap. Cambia peraltro significativamente nel tempo e nello spazio la rappresentazione del personaggio, metafora del femminile per eccellenza, in tutte le sue clamorose variazioni culturali, psicologiche, politiche, razziali.


Parole chiave


Georges Bizet; Prosper Merimée; Cinema; Psicoanalisi; Femminino.

Full Text

PDF (Italiano)

Riferimenti bibliografici


E. Jones, Vita e opere di Freud, trad. it, Garzanti, Milano 1977.

F. Nietzsche, Il caso Wagner, trad. it. in Opere, vol. VI, tomo III, Adelphi, Milano 1970.




DOI: 10.6092/issn.2038-6184/3473

Copyright (c) 2013 Simona Argentieri

Creative Commons License
Quest'opera è rilasciata con una licenza Creative Commons Attribuzione 3.0 Unported.